Mercoledì, 26  Luglio 2017 02:49:59
  • Pubblicazione del 15 Ottobre 2014 ore 19.00
  
  

Migrazioni ittiche verso i poli

di Sergio Lo Martire - 

Tra qualche decennio la Terra sarà attraversata da una vera rivoluzione che ne determinerà la sua vita futura e non certo in meglio, grazie al riscaldamento del Pianeta, ormai inarrestabile, che riguarderà anche le riserve ittiche degli oceani, in particolar modo quelle della fascia tropicale.
A causa di un riscaldamento marino sempre più intenso, la fauna ittica tropicale, lascerà fra poco il proprio habitat per vivere e riprodursi in luoghi dove il calore del mare è più mitigato, dirigendosi, verso gli estremi della terra: i due Poli.

Leggi...

La ricchezza della plastica: se la conosci la ricicli

di Antonello Cannarozzo

Nel 1963, con il premio Nobel al chimico italiano Giulio Natta, il nostro Paese divenne leader della ricerca più innovativa del XX secolo: la plastica.
Di li a poco questo materiale avrebbe invaso tutta la nostra vita quotidiana, aprendo nuove speranze per il futuro, ma gli anni passano e, come tutte le cose, anche per la plastica, quando se ne abusa come produzione e come consumo, diventa un nemico dell'ambiente.
L'accusa più ricorrente rivolta a questo materiale riguarda in particolare i sacchetti e le bottiglie in Pet (polietilene tereftalato) che all'80% sono tra i rifiuti più diffusi al mondo, con il pericolo che, una volta decomposta, frammenti tossici che compromettono la catena alimentare.

Leggi...

Relazioni tra peso e batteri intestinali

Lactobacillus casei 1. Tratto da: Wikimedia Commons de:User:A doubtdi Titta Mare - 

Sono decenni che combatto ogni mattina con la bilancia e purtroppo vince sempre lei che con fredda cattiveria segna sempre un peso maggiore di quanto avrei sperato, sempre purtroppo a tre cifre.
Una sconfitta per la quale ho incolpato la mia mancanza di volontà, il piacere della gola, la voglia di sentirmi sazio, insomma tutte quelle cose che ci fanno sinceramente vergognare, almeno fino ad oggi. Si, perché la onnipresente ricerca scientifica ha scoperto che non sono io che mangio perché non mi controllo, ma ciò che abita dentro di me sceglie di mangiare o meno.

Leggi...

Potenziale distruttivo del bosone di Higgs

Simulazione Geant4 di un evento in un acceleratore di particelle che dovrebbe generare un bosone di Higgs. Immagine Lucas Taylor-http://cdsweb.cern.ch/record/628469di Titta Mare - 

Finalmente, ogni tanto, ci vuole una bella notizia che ci risollevi il cuore.
In momenti di crisi economiche, con focolai di guerra che scoppiano un po' dappertutto, sapere che il famoso Bosone di Higgs, quello sperimentato tre anni fa presso il Cern di Ginevra e costato alla comunità europea alcuni miliardi, può avere un potenziale tale da distruggere non solo la Terra, ma per cause concatenate, anche l'intero universo.
Per fortuna, l'evento sarebbe talmente repentino che non ce potremmo accorgere.
Questa simpatica previsione è del noto astrofisico inglese Stephen Hawking, scritta nella prefazione del libro Starmus, 50 Years of Man in Space.

Leggi...

Climate Change: gas serra protagonista

Author Liam Gumley, Space Science and Engineering Center, University of Wisconsin-Madison-http://earthobservatory.nasa.gov/IOTD/view.php?id=5488di Sergio Lo Martire - 

Ormai quando si parla di cambiamenti climatici le notizie non sono mai buone.
La situazione sembra sfuggire di mano, non solo agli scienziati che lanciano inascoltati allarmi, ma anche ai leader mondiali che sembrano senza idee o, peggio, sottovalutano il pericolo che aleggia sull'intero Pianeta, l'unico posto, è sempre bene ricordarlo, dove possiamo abitare, eppure sembra che nessuno se ne renda conto.

Leggi...

Italian Media s.r.l. - via del Babuino, 99, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu